Dott. Massimiliano Monarca
Tel: 333 4137833
e-mail: massimiliano@monarca.na.it
logo
Dove siamo
Le norme igieniche in gravidanza

La gravidanza è un evento fisiologico.
In condizioni di normalità la vita della gestante può continuare quasi immutata attuando solo qualche piccola attenzione.
Questi sono alcuni consigli che ritengo possano essere utili.


L'igiene personale
In gravidanza la pelle è più sensibile alle irritazioni ed è più facile che insorga prurito. Per questo motivo è consigliabile usare sempre detergenti delicati. E' preferibile la doccia al bagno e l'acqua non deve essere troppo calda.
E' più frequente l'insorgenza di infiammazioni dei genitali ed è utile usare detergenti non aggressivi che non alterino il pH ottimale.
L'igiene dei denti deve essere accurata, perché in questo periodo le gengive sono esposte all'aggressione dei batteri. E' consigliabile fare un controllo dal dentista e lavarsi i denti accuratamente dopo ogni pasto. Può essere utile l'uso di un colluttorio.

I rapporti sessuali
I rapporti sessuali non sono controindicati durante la gravidanza, tranne in caso di complicazioni quali minaccia d'aborto, placenta previa o minaccia di parto prematuro.
La gravidanza comporta alcune modifiche sia nella donna (aumento della libido) che nell'uomo (paura di far del male al bimbo). Bisogna accettare questi cambiamenti e quanto ne deriva senza colpevolizzarsi: si tratta di una fase transitoria che richiede solo molta serenità.

Il fumo
Il fumo è dannoso per la salute della gestante. In gravidanza è opportuno smettere di fumare o quanto meno ridurre moltissimo il numero di sigarette (non più di 3-4 al giorno). E' dimostrato che i neonati di donne fumatrici hanno alla nascita un peso inferiore rispetto a quelli di gestanti non fumatrici.

L'alcool
Un consumo rilevante di alcolici, soprattutto in fase embrionale, può causare danni che coinvolgono vari organi e apparati fetali (la fetopatia alcoolica). E' consentito un consumo moderato, che non superi uno-due bicchieri di vino o di birra al giorno.

L'attività fisica
Se non ci sono complicazioni l'attività fisica in gravidanza è salutare in quanto: conserva un buon tono muscolare, attiva la motilità intestinale, aiuta a non ingrassare ed a mantenere il buon umore.
Camminare è la cosa più semplice che si può fare; cercate di camminare almeno mezz'ora tutti i giorni, possibilmente in zone con poco traffico.
In molte palestre vengono offerti corsi di ginnastica pre-parto, che comprendono esercizi per la colonna vertebrale, per i muscoli addominali e di rilassamento. Lo stretching consente un'attivazione muscolare consona alle esigenze della gestante.
Il nuoto è adatto alle gestanti e può essere praticato fino al termine della gravidanza.
Sono utili e piacevoli i corsi di ginnastica in piscina (acquagym).
La bicicletta è indicata; l'ideale è andare in un parco dove l'aria è migliore.

Il lavoro
La gravidanza non è una malattia. Una donna che svolge un lavoro fisicamente non impegnativo e che non presenta situazioni patologiche (minaccia di aborto, perdite ematiche, contrazioni) può continuarlo fino a quando il suo fisico glielo consente. E' consigliabile, comunque, fare almeno due ore di riposo pomeridiano. L'unica regola fondamentale è quella di smettere appena vi sentite stanche.


« Gravidanza